Una separazione temporanea può rendere più forte la relazione col partner? Consigli pratici per coppie in crisi.

 

 

In questo articolo spiegherò come prendere un periodo di riflessione in certi casi può rinforzare la relazione ed evitare che si auto distrugga nel tempo.

 

Ci sono almeno tre ragioni principali per cui le coppie si separano: quando vogliono divorziare per incompatibilità caratteriali, quando c’è stato un tradimento, quando sentono di non amare più i partner, ci sono anche casi in cui si desidera lasciare momentaneamente il partner per poter salvare la relazione

Sono sostenitrice del valore terapeutico di una separazione quando è volta a rinforzare il matrimonio se è fatta nel modo giusto per le giuste ragioni e se ci sono accordi chiari fin dall'inizio.

Questo tipo di separazione può essere fatta in qualsiasi momento e viene attuata da un numero sempre maggiore di coppie. Eppure noi come società tendiamo a pensare ancora che qualcosa sia "sbagliato" se le coppie vivono separate e di solito vediamo la separazione come qualcosa di strettamente legato ad una rottura. Le coppie che prendono questa decisione di solito hanno già provato vari altri interventi e tattiche per riportare il matrimonio in carreggiata e ora si trovano in una situazione in cui non c'è altro da fare che separarsi fisicamente.

La separazione può essere uno strumento utile per  stare insieme . Ciò sembra paradossale poiché la maggior parte di noi crede che tanto più il partner si allontana tanto più lo perdiamo e dobbiamo quindi rincorrerlo avvicinandoci il più possibile.

Creare distanza in un momento di crisi infonde inevitabilmente la paura di perdere il coniuge e quindi la relazione. 

 

 

Quando è opportuno prendersi una pausa dalla relazione?

 

Se stai confliggendo molto col partner e hai la sensazione che la negatività non passi:

Se non fai altro che litigare col partner sugli stessi argomenti giungendo ad uno stallo da cui non riesci ad uscire sicuramente una pausa può essere una buona strategia di problem solving. Stare lontani per un po' potrebbe aiutarvi a capire meglio la prospettiva dell’altro e quanto siete compatibili caratterialmente. Ricordo a tal riguardo una coppia che ho seguito negli ultimi mesi, avevano avuto una lite furibonda che li aveva portati a trascinare tensione per giorni e giorni. Ad un certo punto lui si è reso conto di aver bisogno di estraniarsi da tutto questo “smog” che si era creato in casa e che stavano rischiando di assorbire anche i figli. Dopo averlo condiviso con la partner ha deciso di andare via per 3 giorni a casa dei suoi genitori. Per la moglie è stato molto difficile inizialmente accettare la sensazione di “abbandono” che questo gesto ha portato ma a posteriori si è resa conto che è stata la soluzione migliore. Quando è tornato erano entrambi più predisposti al dialogo e all’ascolto. Questo momentaneo allontanamento ha permesso alla coppia di rinforzarsi.

 

Se hai dubbi rispetto alla tua volontà di investire nel rapporto:

Se non ti senti sicuro del rapporto e dell’impegno che intendi riporre nella relazione una pausa può essere utile per capire quanto sia importante per te il partner e se intendi davvero concretizzare la relazione con una convivenza o un matrimonio. D’altro canto una pausa può anche portarti a capire che non ti senti pronto o che il partner non è adatto alle tue esigenze, in tal caso ti aiuterà a liberare la mente e ti darà la forza di interrompere una relazione che non ha futuro senza trascinare degli anni. Mi viene in mente una giovane coppia che ho seguito per alcune sedute. Lei era convintissima di voler convivere con lui di sposarlo e avere dei figli. Lui era apparentemente in linea coi progetti della partner ma in realtà era emerso dalle sedute individuali che temeva fortemente il legame stabile, non si sentiva pronto ma non  voleva deludere la compagna. Dopo un percorso di terapia è riuscito a sbloccarsi affrontando le sue paure con la partner riconoscendo la sua necessità di prendersi del tempo.

 

Se il tuo partner ti tradisce e hai bisogno di tempo per decidere:

Quando c’è la “triade” è molto difficile prendere decisioni e restare lucidi. Se il tuo partner ti tradisce e non ha ancora deciso che strada prendere la pausa è assolutamente necessaria! Restare sotto lo stesso tetto implica grande sofferenza e fatica nell’accettare la presenza dell’altro/a e si vive una situazione di limbo e incertezza che rischia di logorare nel profondo la persona. Consiglio sempre una pausa ed un distacco in questi casi. Almeno fino a quando uno dei 2 prende una decisione ponderata che non sia frutto dell’impulsività del momento. Ricordo una signora che ha chiesto il mio aiuto per una situazione di questo tipo dalla quale non riusciva a trovare una via di fuga. Era in casa col marito che la tradiva. Viveva con lui nonostante sapesse chi frequentava fuori. Si era incaponita nel volerlo riconquistare. Abbiamo lavorato molto sui suoi obiettivi aiutandola a capire che la soluzione migliore per lei in quel momento era uscire di casa e distanziarsi da una situazione che la stava avvelenando giorno per giorno dal punto di vista fisico e psicologico. Se il partner ti tradisce è opportuno prendere le distanze anche per capire se vale la pena provare a recuperare questa relazione oppure no.

 

Quando sei lontana/o dal partner prova a guardarlo da una prospettiva neutra; sicuramente la tua relazione è stata speciale per te ma sarà possibile ricostruire la fiducia dopo questo tradimento? Prova a porti queste domande:   

Prova rimorso per ciò che ha fatto? (o continua a fare?) 

Capisce quanto ti ha ferito? E’ stato onesto? O ti ha dato pezzettini di verità forzatamente?

Si rende conto di aver incrinato la tua fiducia e di doverla ri guadagnare?   

Vale davvero la pena recuperare questa relazione? O è forse il momento di lasciar andare?

 

Se non sei soddisfatto da tempo della tua relazione:

In tal caso una pausa potrebbe aiutarti a capire meglio quali sono i motivi che ti portano ad essere insoddisfatto/a nella relazione e valutare se c’è o meno la possibilità di riparare e recuperare il rapporto. Se decidi di fare una pausa per questo motivo è importante mostrare sincerità al partner per evitare fraintendimenti a posteriori. Una delle tante coppie che ho seguito presentava questo problema, il coniuge aveva la sensazione di trascinare il matrimonio da diversi anni e non si sentiva più soddisfatto nella coppia che viveva in modo distaccato e formale. Dopo aver lavorato sulle paure legate alla possibilità di allontanarsi dalla moglie per la prima volta per un lungo periodo è riuscito a prendere la decisione di affrontarla onestamente. In realtà questo sblocco ha permesso anche alla moglie di riconoscere le medesime difficoltà prendendo atto della necessità per ambedue di un distacco. La terapia ha aiutato entrambi a ritrovare serenità nella coppia dopo una pausa di alcuni mesi.

 

Vi porto qui alcuni pensieri su come procedere per usare la Separazione come strumento di Potenziamento della relazione.

  • Ottieni supporto di terze parti. Mentre alcune coppie possono farlo da sole, consiglio vivamente di cercare una terza parte neutrale per facilitare questo processo. Può essere complicato, specialmente se questo viene fatto mentre ci sono attualmente tensioni o problemi tra i coniugi. Questa terza parte può anche essere un terapeuta, uno psicologo. Il terapeuta ha la funzione di mediare tra le parti migliorando la comunicazione empatica che spesso manca nella coppie in crisi.
  • Imposta aspettative chiare e ragionevoliLe regole di base sono indispensabili per mantenere un senso di fiducia tra le parti. Se una persona si aspetta di comunicare ogni giorno, ma l'altra no, ciò potrebbe causare sensazioni di dolore. Sapere cosa aspettarsi evita questo tipo di situazione.
  • Conosci il tuo obiettivo. Non dare per scontato che entrambi abbiate lo stesso obiettivo. Entrambi avete davvero bisogno di essere d'accordo sul fatto che la vostra intenzione di vivere separati sia quella di migliorare il vostro matrimonio. Ancora una volta, se uno dei coniugi pensa che la separazione sia un passo nel processo di divorzio, ma l'altro pensa che sia un temporaneo "time-out", ciò può causare una profonda spaccatura nella fiducia tra i due. Avere lo stesso obiettivo in questo esercizio è particolarmente importante per renderlo un esercizio di successo
  • Mantieni una comunicazione regolare. Non avere alcun contatto per un lungo periodo di tempo può effettivamente iniziare a  danneggiare  la connessione coniugale. E’ quindi importante mantenere una buona comunicazione col partner. Manteniamo quindi un equilibrio tra il no contact e l’essere eccessivamente invadentI.

La durata media di una separazione di potenziamento è di circa sei mesi.

Chi NON dovrebbe imbarcarsi in una separazione di potenziamento?

Ci sono alcune persone per le quali questo strumento non funzionerà. È fondamentale che ogni coniuge sia onesto con se stesso e col partner sul motivo per cui sta facendo questo esercizio. Porto qui sotto alcune situazioni in cui è altamente sconsigliato prendersi una pausa dalla relazione:

Se non intendi stare con il tuo partner e stai usando la pausa di riflessione come scusa per giustificare un eventuale rottura, la   cosa peggiore che puoi fare è  fingere  di essere interessato a lavorare sulla relazione, causerai molta più sofferenza al partner e potresti ritrovarti a dover affrontare una separazione dolorosa e difficile. Un mio giovane paziente, nonostante fosse ben convinto di non amare più la sua compagna da tempo, non riusciva ad affrontarla per timore della sua reazione e ha trascinato per molto tempo una relazione nella quale si sentiva emotivamente vuoto e forzato. Grazie alla terapia individuale dopo aver decatastrofizzato i possibili scenari e preso consapevolezza di quanto una pausa sarebbe stata contro producente, ha deciso di condividere il suo stato d’animo. Tale condivisione emotiva ha permesso di interrompere il rapporto in modo civile senza fare una guerra.

Se sei confuso riguardo al fatto se vuoi o meno rimanere nel matrimonio, è importante dirlo in anticipo. Diventa molto più difficile se hai portato il tuo partner a credere che tornerai pienamente impegnato nel matrimonio se non ci credi davvero. Rischi di ritrovarti, dopo la separazione, in una relazione che non desideri. Una mia coppia si era trovata proprio in questa situazione. Lui aveva deciso di prendersi una pausa dalla relazione per potersi riprendere i suoi spazi con gli amici motociclisti e fare gite fuori porta. In realtà non era più convinto di voler continuare la relazione già da tempo ma non sapeva come affrontare l’argomento con la partner e puntualmente evitava di parlarne dando a vedere che non c’era nessun problema. Quando è giunto da me era in totale crisi perché la partner aveva scoperto tramite un suo amico che lui non la amava più e si sentiva stretto nella relazione. Potete immaginare facilmente quanto sia stata turbolenta l’interruzione di questo rapporto.

Se hai più volte perso la fiducia nel partner ed hai grande difficoltà a credergli, non dovresti fare questo tipo di esercizio. Potrebbe portare alla rottura definitiva del rapporto. Piuttosto affidati a un professionista esterno per valutare bene pro e contro e fare un bilancio della situazione. Non sono tanto i contenuti che portiamo al partner ad avere un valore bensì la modalità con cui affrontiamo la situazione ed esprimiamo la nostra posizione a riguardo. Durante le sedute di coppia affidandomi alla terapia scientificamente riconosciuta dei coniugi Gottman (se vuoi avere maggiori informazioni sul metodo ti consiglio di visitare questa pagina metodo Gottmanporto ai partner strumenti pratici ed efficaci per migliorare la comunicazione e la capacità di problem solving. Strumenti che poi rimangono nel loro bagaglio culturale ed una volta introiettati possono riutilizzare ogni qualvolta ne sentono il bisogno per prevenire eventuali ricadute.

Sicuramente una pausa non è affatto opportuna se intendi usarla a scopo manipolativo per tenere lontano il partner e giocare sul “no contact” eliminando totalmente la comunicazione. Non è utile se lo fai solo a scopo sfidante per dimostrare al partner che se vuoi sei capace di interrompere la relazione. Causerebbe solo sofferenza che poi molto probabilmente avrebbe su di te un effetto boomerang tornando indietro con tutti gli interessi! Se ti trovi in questa condizione la pausa non è la strategia più funzionale.

Ovviamente la pausa non è per nulla indicata se la usi per poterti frequentare con un'altra persona. La pausa dovrebbe servire per riflettere su te stesso come individuo, sulla coppia e su ciò che funziona e non funziona, su come riparare o sull’eventuale decisione di chiudere il rapporto. Non puoi pensare di essere concentrato su questi fattori se usi questo spazio per conoscere un’altra persona. In tal caso è fondamentale parlare in modo chiaro col partner rispetto alla propria indecisione senza usare la pausa come scusa. Il rischio grande è che se il partner venisse a scoprirlo si sentirà tradito nell’impegno riposto e la profonda delusione lo potrebbe portare a moti violenti ed impulsivi, nocivi per entrambi. In tal modo otterresti l’interruzione del rapporto ma nel peggiore dei modi! Se non ti senti pronto per una relazione stabile meglio interrompere prima e soddisfare le tue esigenze da uomo/donna single.

In ultimo ci tengo ad aggiungere che non è una buona idea prendersi una pausa se le problematiche di coppia possono essere affrontate migliorando la comunicazione e lavorando in terapia. In base alla mia esperienza posso dirvi tranquillamente che la maggior parte dei problemi relazionali possono essere risolti mediante un buon training sulla comunicazione grazie alla terapia di coppia mirata. Una pausa non è sempre la soluzione, va vista tra le tante possibilità non come l’ipotesi estrema di salvataggio. Chiediti ad esempio se hai provato a parlare col partner in modo calmo ed assertivo, se hai provato davvero a comprendere il suo punto di vista. In caso contrario potresti voler valutare di esaminare meglio che cosa non funziona nel rapporto e quali responsabilità avete entrambi al fine di riparare, la terapia di coppia permette di aiutare i partner a comprendere meglio il punto di vista reciproco e validarlo. Molte delle mie coppie al termine del percorso si trovano rinforzate, più consapevoli dei punti di forza e dei punti di debolezza che caratterizzano la loro casa relazionale (mi rifaccio sempre alla teoria della casa solida dei coniugi Gottman che con un assessment altamente specifico permette di identificare i vari “piani” che costituiscono la relazione, la terapia permetterà di lavorare con obiettivi mirati sui piani da ristrutturare; se vuoi avere maggiori informazioni su come è strutturata la “casa della relazione solida” ti consiglio di visitare questo sito) e questo permette loro di sentirsi più capaci di affrontare situazioni di stress perché hanno gli strumenti e si sono allenati a lungo.

Se hai domande o desideri avere più informazioni non esitare a contattarmi, ricorda che con l’aiuto del professionista psicologo una separazione volta al miglioramento può essere adattata in modo specifico alle tue esigenze e alla tua situazione e può essere implementata o annullata in qualsiasi momento.

Con il pulsante qui sotto potrai avere altre informazioni sulla terapia di coppia.

Dott.ssa Federica Gradante

SE VUOI CHIEDERMI QUALCOSA:

Clicca per usare Whatsapp

 

Ricevo a:

BRESCIA - MONTICHIARI

 CASTIGLIONE D/S - ASOLA - PIADENA

LE SEDUTE POTRANNO ESSERE EFFETTUATE ANCHE ONLINE O TELEFONICAMENTE